IO STO CON LA SPOSA

Il 18 novembre 2014, Voice Off, con il contributo del Comune di Modena e della > cooperativa sociale Caleidos, presenta alla > Sala Truffaut il film Io Sto con la Sposa, di Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry, Antonio Augugliaro. La proiezione è preceduta da una tavola rotonda su « ius migrandi » e seguita dall’incontro con l’autore. L’ingresso è gratuito.

Programma

18.00 – Dalla parte del giusto, tavola rotonda su « ius migrandi » con Gabriele Del Grande, Tarek Aljaber, Fausto Gianelli, Michele Corradi, Fausto Stocco, coordina Giulia Bondi
19.30 – Liberi tutti, incontro conviviale con le associazioni modenesi
20.30 – Io Sto con la Sposa, proiezione film (89′)
22.00 – Un film manifesto, incontro con Gabriele Del Grande e Tareq Aljaber sulla realizzazione del film, a cura di Voice Off

Con la partecipazione di

Gabriele Del Grande: giornalista e autore del film // Tareq Aljaber: attore siriano del film // Fausto Gianelli: avvocato membro dei Giuristi democratici // Michele Corradi: avvocato presente al Presidio Lampedusa// Fausto Stocco: coordinatore progetto Sprar del Comune di Modena // Giulia Bondi: giornalista freelance

In collaborazione con

Alkemia, Amnesty International (Modena), Arci (Modena), Associazione per la Pace, Bambini nel deserto, Bottega Oltremare, Chico Mendes, Emergency (Modena), Foreste per sempre, Giovani Musulmani d’Italia, Iroko, Kabara Lagdaf, Modena incontra Jenin, Rete Primo Marzo, Tefa Colombia, Uisp Solidarietà, We are Onlus.

Sinossi:

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un’Europa sconosciuta. Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

> logo-cinema-italiano

> Sito web ufficiale