POSITIVE LIFE

Sinossi:

Uno spaccatore di pietra accompagna con il suo ritmico operare il risveglio del lago Malawi e l’inizio del viaggio di Kingsley nelle comunità rurali alla ricerca di storie esemplari sui gruppi di supporto di persone sieropositive. Herbert, Beatrice, Atanazio: ciascuno con la sua croce, ciascuno con la sua forza. Vite vere, speciali. Positive.

Positive Life / 2013 / 23′

Regia, fotografia e montaggio:
Andrea Solieri e Cristiano Regina

Produzione:
> Associazione culturale Sequence
> Università degli studi di Modena e Reggio Emilia
Voice off

Festival:
2013 – CinemAvvenire Video Festival – Concorso Internazionale Doc « Identità e Diversità »

Proiezioni:
2013 – Evento « Giovani per il mondo », presso la sala del Consiglio del Comune di Modena, organizzata dall’Ufficio Cooperazione e Solidarietà internazionale del Comune di Modena con l’associazione Overseas
2013 – Festa « La primavera della cooperazione internazionale », presso il Parco Amendola a Modena, organizzata dall’Ufficio Cooperazione e Solidarietà internazionale del Comune di Modena con associazioni locali

Note di regia:
l tempo scorre lentamente, scandito dal battito del martello sulla pietra che apre il documentario. È una lentezza necessaria, non annoiata, aperta all’ascolto. La voce fuori campo di Kinglsey introduce il film con una dichiarazione di intenti: andare “là fuori” alla ricerca di storie uniche. Inizia così un viaggio che lo porta a incontrare persone che vedremo impegnate in attività quotidiane -mangiare, lavorare, vivere- mentre la loro voce ne racconterà l’esperienza di sieropositivi in una società non ancora pronta per tradizione, pregiudizi, ignoranza, ad accettarli. A scandire il tempo del film sarà sempre lui, Kingsley, con le sue riflessioni sulle persone-personaggi incontrati durante questo viaggio, fino al pensiero finale, un messaggio per tutte le persone sieropositive, che guarda al futuro con grande speranza. La scelta di Kinglsey (operatore dell’organizzazione Reach Trust partner del progetto Cobasys) come filo conduttore del film, inizialmente quasi obbligata data la vastità delle possibilità narrative e la conseguente necessità di ricondurre il tutto a un unicum coerente, si è rivelata ben presto preziosa e giustificata da ragioni che trascendono la questione drammaturgica e chiamano in causa la realtà documentaria: Kinglsey è colui che ha scelto le persone, che è realmente rimasto colpito dalle loro storie, che si è fatto carico di raccontarle nel documentario. Con lui si è subito creato un rapporto di complicità e amicizia, che ha consentito di condividere le idee e le proposte, fino alla registrazione finale della “lettera” virtuale che indirizza a noi come registi. (Andrea Solieri e Cristiano Regina)